Fantasy

Regina rossa

Regina rossa di Victoria Aveyard.

La saga racconta di un mondo nel lontano futuro in cui le popolazioni sono divise dal loro tipo di sangue: gli argentei hanno il sangue color argento e sono dotati di capacità soprannaturali, mentre coloro che hanno il sangue rosso sono persone comuni che vivono in condizioni pessime, dominati socialmente e politicamente dagli argentei. Tuttavia Mare Barrow scopre di avere abilità speciali, sebbene sia una rossa.

1) Regina rossa

Il primo libro racconta di Mare che, dopo aver scoperto di avere dei poteri, è costretta a vivere a palazzo tra i nobili argentei e la famiglia reale: presto inizia a capire le dinamiche di quel mondo pieno di lussi e di ricchezza, così diverso dalla sua vecchia casa. In questa nuova realtà si lega affettivamente al suo mentore Julian e ai due principi argentei, Cal e Maven. Però la sua mente torna spesso alla sua gente e a ciò che deve patire, perciò si accorda con il gruppo di ribelli chiamato la “Guardia Scarlatta” e decide di provare a cambiare la situazione.

Ho lasciato questo libro nello scaffale digitale del mio ereader per molto tempo, perché la trama non mi ispirava affatto e inoltre il racconto è scritto in prima persona, cosa che non sono capace di apprezzare. Perciò quando l’ho iniziato a leggere non ero molto convinta di proseguire la lettura, ma poi mi sono dovuta ricredere: la storia è molto avvincente e scritta bene, l’autrice si sofferma dettagliatamente nelle descrizioni e verso la fine assesta un grosso colpo di scena, in modo da sollecitare la lettura del secondo volume. Quindi, consiglio il libro agli amanti di Hunger Games e Divergent perché il racconto presenta caratteristiche comuni, benché abbia un impianto diverso.

Disponibile su Amazon: Regina rossa

Risultati immagini per regina rossa

2) Spada di vetro

Fuggita dal suo più grande nemico, Mare trova protezione presso la Guardia Scarlatta: è in possesso di una lista di nomi che la riconduce ad altre persone simili a lei, con una doppia natura argentea e rossa. Perciò riunisce un gruppo di ribelli e insieme a Cal inizia la ricerca di altri “novisangue” come lei, per salvare loro la vita e per invitarli a combattere per la sua causa.

Come spesso accade, il secondo volume della serie ha iniziato a deludermi un po’, tuttavia la lettura è stata abbastanza avvincente da invogliarmi a leggere il terzo libro. In particolare mi è piaciuta l’attenzione con cui l’autrice descrive il cambiamento psicologico della protagonista: all’inizio Mare si crede invincibile per le sue abilità, perciò presto inizia la sua trasformazione, in cui diventa sempre più decisa e poco impressionabile e infine arriva a inaridire il suo cuore nei confronti di coloro che le stanno più vicino, diventando una macchina da guerra dedita solamente alla causa della Guardia Scarlatta. In conclusione, sono ancora pienamente convinta che questa serie sia molto bella da leggere.

Disponibile su Amazon: Spada di vetro

Risultati immagini per spada di vetro

3) Gabbia del re

Mare Barrow è prigioniera di Maven Calore e soffre per la pietra silente che la circonda e che non le permette di usare il suo potere da sparafulmini. La sua immagine viene sfruttata da Maven per riunire nel suo palazzo i novisangue di tutto il paese e per smorzare i moti di ribellione che le opere della Guardia Scarlatta suscitano nella popolazione rossa. Contemporaneamente, gli altri personaggi dell’organizzazione ribelle cercano un modo per liberarla e mettere fine alle ingiustizie di sangue.

Ho trovato questo libro meno coinvolgente degli altri, forse perché Mare, essendo prigioniera, non vive molte interazioni con personaggi diversi e per questo la trama risulta un po’ statica. Invece ho apprezzato i tentativi di sondare la mente di Maven, quando la protagonista cerca di comprendere cosa lo ha reso così cattivo e di capire se può essere salvato dalle sue malvagità e ossessioni. Perciò, sebbene non mi abbia convinto molto, ho proseguito lo stesso la lettura del quarto volume.

Disponibile su Amazon: Gabbia del re

41h-n2bkvjl

Annunci
Fantasy

Legio M Ultima

Legio M Ultima di I Demiurghi.

Sfida all’impero

Sotto l’imperatore Diocleziano viene costituita una nuova legione segreta, a cui vengono affidati i compiti più ardui e misteriosi: la corte XII è costretta a gestire e combattere uno dopo l’altro eventi  sempre più oscuri e minacciosi, che celano una fitta trama intricata. Infatti, tutti i personaggi della trilogia non sono altro che pedine in mano a due giocatori che si sfidano a una partita a scacchi, per determinare le sorti dell’impero. Tuttavia divinità e forze sovrannaturali cominciano a intervenire, scombinando ogni volta le mosse dei due sfidanti. La protagonista è Azia Medea, assoldata nella corte per le sue conoscenze da sapiente, accompagna in modo freddo e distaccato gli altri membri ed è costretta a mantenere un orribile segreto: la spada che porta sempre con sé la lega alla furia di Platone, serva del dio degli Inferi. Perciò, lei stessa potrà essere la mossa vincente.

Il racconto è avvincente e i personaggi ben definiti: ognuno ha il proprio carattere e il proprio ruolo all’interno della storia, però la lettura non è molto scorrevole a causa dei repentini cambi di punti di vista e da alcuni passaggi poco chiari nella struttura della trama in sé. Inoltre non ho proprio apprezzato la continua violenza descritta, specialmente sulle donne: per sensibilità personale alcune parti non le ho lette volentieri. Eppure lo stile di scrittura mi è piaciuto tanto che ho iniziato a leggere un altro libro della Legio M Ultima senza esitazioni.

Disponibile su Amazon:

Risultati immagini per legio m ultima sfida all'impero

Fantasy

Le cronache di Narnia

Le cronache di Narnia di C. S. Lewis.

La saga è formata da sette libri di lunghezza abbastanza breve pubblicati in Italia in ordine cronologico, ma che personalmente ho preferito leggere e recensire nell’ordine in cui sono stati pensati.

Il leone, la strega e l’armadio

Quattro fratelli passano l’estate nell’enorme casa di un professore, ed esplorando la villa durante una giornata di pioggia si imbattono in un armadio di pellicce, che in realtà è un passaggio segreto per il mondo di Narnia. Avventurandosi nel freddo posto sconosciuto incontrano i personaggi che abitano il nuovo paese e vengono a conoscenza della loro situazione: una strega governa Narnia e con un incantesimo la mantiene in un inverno eterno. Tuttavia l’arrivo dei ragazzi porta la speranza di un’imminente liberazione: un’antica profezia li destina a salire al trono e predice la venuta di Aslan, il leone che ha creato il mondo e che lo libererà.

Sebbene l’autore abbia pensato la saga per i bambini, all’inizio dice espressamente che nella vita esiste un’età più tarda per leggere le favole e capire il loro significato. Ora è comunque considerato un classico per ragazzi.

a Lucy Barfield
Cara Lucy,
ho scritto questo racconto per te, ma quando l’ho cominciato non mi sono reso conto che le ragazze crescono più in fretta dei libri. Come risultato, ormai sei troppo grande per le fiabe e quando questa verrà stampata e rilegata lo sarai ancora di più. Un giorno, però, diventerai abbastanza grande da leggere le fiabe di nuovo: allora recupererai la mia da uno degli scaffali più alti, toglierai la polvere e mi dirai cosa ne pensi. A quell’epoca, probabilmente, io sarò troppo duro d’orecchi per sentirti e troppo vecchio per capire le tue parole, ma rimarrò comunque
il tuo affezionato padrino
C.S. Lewis

La trama è molto lineare e priva di grossi colpi di scena, tuttavia la lettura non è noiosa ma scorrevole. Allo stesso modo lo stile è semplice e il racconto  cela parecchi dettagli che richiamano la storia e la simbologia cristiana. Ho apprezzato in particolare la figura di Lucy, la più piccola dei quattro fratelli, che con occhi puri osserva ogni cosa e vive la nuova avventura con l’innocenza e la semplicità di una bambina.

Il principe Caspian

Dopo un anno dal ritorno in Inghilterra, i ragazzi sono richiamati a Narnia da una forza magica: lì in realtà sono passati secoli dalla loro scomparsa e ora, il paese è governato da un re malvagio che con gli anni ha represso le forme parlanti non umane. Il nipote è il principe Caspian che lotta per riavere la Narnia del passato perciò, prossimo alla sconfitta in campo di battaglia, richiama in suo aiuto gli eroi di un tempo.

Come il primo libro, ho trovato anche questo racconto molto semplice e privo di grande suspense, lo stile chiaro e senza artifici. Penso sia una bella storia da leggere ai bambini prima di andare a dormire, ma credo anche che contenga un profondo messaggio: l’esistenza di Aslan è messa in dubbio da molti e gli stessi suoi paladini credono che non verrà ad aiutarli. Invece il leone è sempre presente e si mostra inizialmente solo a Lucy, che non viene creduta quando dice di ricevere indicazioni da Aslan. Anche nel libro precedente la piccola è stata la figura più innocente del gruppo ed è sempre riuscita a guardare con occhi diversi ciò che la circondava: forse anche noi dovremmo provare ad avere uno sguardo più semplice sulle cose, o forse dovremmo ascoltare maggiormente i più puri di cuore, come i bambini.

“Ecco il peggior difetto delle ragazze.” rimarcò Edmund ad uso e costumo di Peter e del nano “non riescono a ficcarsi in testa una mappa o una bella cartina”
“Perché le nostre teste sono troppo piene, caro Edmund.” ribatté Lucy per le rime.

Disponibile su Amazon: Le cronache di Narnia

le-cronache-di-narnia-cartonato-libro-87476

Fantasy

Lo hobbit

Lo hobbit di J. R. R. Tolkien.

Pubblicato nel 1937, il prequel della trilogia de Il signore degli anelli ha riscontrato molto successo non solo tra i ragazzini, ma anche nel mondo degli adulti. La storia ha come personaggi esseri immaginari, nani, maghi, orchi e hobbit, piccole personcine panciute dai piedi grandi, pacifiche e gioviali. Il protagonista principale è uno di questi, Bilbo Baggins, che si ritrova coinvolto dal mago Gandalf in un’avventura con un gruppo di nani, per recuperare l’enorme tesoro rubato e sorvegliato da un pericoloso drago. Le vicende si susseguono e Bilbo trova un anello che lo rende invisibile, utile per il suo ruolo di scassinatore. Grazie a questo tirerà spesso fuori dai guai l’intraprendente compagnia di avventurieri, fino ad arrivare a un lieto fine.

La trama è intrigante, sebbene sia abbastanza lineare; lo stile molto semplice e comprensibile, senza un lessico difficile e con una caratterizzazione dei personaggi molto stereotipata: Gandalf il mago misterioso, Bilbo il protagonista a cui viene interrotta la solita vita monotona.

Il libro non è strettamente legato a Il signore degli anelli perciò, una volta finito, non si è costretti a leggere anche la trilogia per avere un finale conclusivo. E’ decisamente una lettura che consiglio solo a ragazzi delle medie.

Disponibile su Amazon: Lo hobbit

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fantasy

Il mio splendido migliore amico

Il mio splendido migliore amico di A.G. Howard.

La famiglia Gardner ha un dono che consiste nella capacità di ascoltare i continui sussurri della natura. Tramandato di generazione in generazione fino ad Alyssa, solo nel momento in cui scopre di essere la pronipote di Alice la ragazza capisce il segreto di questa maledizione, ed è costretta a scendere nel Paese delle Meraviglie per rimediare agli errori che la sua antenata da bambina aveva procurato. L’unica variante della storia è che il posto magico descritto da Lewis Carroll non è molto verosimile: i simpatici personaggi delle favole sono in realtà creature mostruose e l’ambientazione è molto ambigua.

La trama è interessante e alcune idee sono coinvolgenti: tutte le prove che deve affrontare la protagonista rimandano alla storia originale, come prosciugare l’oceano di lacrime e risvegliare i partecipanti di un thé che li ha fatti addormentare.

Peccato però per la contestualizzazione, la storia della protagonista è molto triste: la madre è in manicomio per la maledizione della famiglia, lei vive in una condizione surreale in cui fiori e insetti le parlano continuamente e per questo non si integra molto bene. Concluso il tutto con un banalissimo triangolo amoroso, che include il migliore amico e il ragazzo misterioso di nome Morfeo, la storia poteva essere pensata molto meglio. Inoltre, il titolo italiano non c’entra molto: in realtà l’amico Jeb non si ritrova spesso nella storia, solo all’inizio, alla fine e in qualche pensiero della ragazza. Quello molto più azzeccato è l’originale “Splintered”.

Il libro non mi è piaciuto molto: non così poco da lasciarlo a metà, ma non così tanto da continuare la saga. Penso sia adatto a ragazze delle medie ancora indecise se dedicarsi a storie fantasy o romanzetti rosa.

Disponibile su Amazon:

  1. Il mio splendido migliore amico
  2.  Tra le braccia di Morfeo
  3. Il segreto della regina rossa
  4. 6 cose impossibili

Risultati immagini per il mio splendido migliore amico