Romanzi

Ragazzi di vita

Ragazzi di vita di Pier Paolo Pasolini.

Nella Roma degli anni ’50 si aggirano bande di ragazzi abbandonati a loro stessi, che depredano la città e rubano qualsiasi cosa possa essere rivenduta per sfamarsi e divertirsi. Uno dei protagonisti è il Riccetto: per le strade tutto il giorno, all’inizio è un ragazzino che compie piccoli furtarelli per pagarsi gite in barca o serate con gli amici, tuttavia nel momento in cui decide di rigare dritto trovando lavoro e fidanzandosi, non è affatto contento. In più il caso vuole che si trovi nel posto sbagliato al momento sbagliato: viene arrestato e tenuto in carcere per tre anni accusato di aver svaligiato un appartamento. La storia riprende dopo l’uscita di prigione del ragazzo e, ritrovati i compagni di un tempo, ripensa con malinconia al suo passato ormai stravolto.

Il libro non possiede un vero e proprio filo del racconto: il personaggio di cui si parla di più è il Riccetto, ma in realtà alla sua storia si aggiungono a sprazzi quelle dei suoi compagni, ridotti come lui a girare per le strade. Presto comunque ogni ragazzino della classe sociale di cui si narra perde l’innocenza e l’ingenuità tipica della propria età ed entra nel mondo dei soldi, vivendo e divertendosi alla giornata: se il denaro avanza dopo il pasto, non viene conservato per il giorno dopo ma speso allegramente.

Il Riccetto cantava: “Quanto sei bella Roma, quanto sei bella Roma a prima sera”, a squarciagola, completamente riconciliato con la vita, tutto pieno di bei programmi per il prossimo futuro, e palpandosi in tasca la grana: la grana, che è la fonte di ogni piacere e ogni soddisfazione in questo zozzo mondo.

Un modo simile di gestire il denaro si ritrova nei ranch americani degli anni ’30, in Uomini e topi, in cui i due protagonisti si differenziano dagli altri lavoratori e decidono di non sperperare nel fine settimana i soldi guadagnati, ma di metterli da parte per un progetto comune: eppure i buoni propositi e la speranza di una vita migliore vengono cancellati dalla misera realtà in cui vivono. Invece, la bassa società del dopoguerra si scontra violentemente con quella che Verga descrive ne I Malavoglia, sebbene appartenga a un luogo diverso e a quasi un secolo prima. Infatti anche nelle situazioni più difficili la famiglia dei Malavoglia cerca di seguire sempre la retta via e solo il fratello maggiore ‘Ntoni si lascia vincere dallo sconforto per una vita così povera, iniziando a sperperare il denaro.

La lettura non mi ha coinvolto molto e ho trovato difficile seguire il racconto con le forme dialettali inserite nei dialoghi tra i personaggi e nelle descrizioni degli avvenimenti: qualcuna per calare il lettore nell’ambientazione della storia è carina, ma troppo dialetto diventa pesante.

Disponibile su Amazon: Ragazzi di vita

ragazzi di vita

Annunci

Una risposta a "Ragazzi di vita"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...