Romanzi

La mia lotta per la libertà

La mia lotta per la libertà di Yeonmi Park.

Dittatura, terrorismo psicologico, fame, povertà e violenza racchiuse in un unica testimonianza: è la storia di una ragazzina nata e scappata dalla Corea del Nord, che prima di capire cosa fosse la libertà ha visto e subito esperienze traumatiche di ogni genere.

Yeonmi passa l’infanzia sola con la sorella a cercare elementi nutritivi negli insetti per non morire di fame, mentre la madre tenta di racimolare qualche soldo stando via per mesi e il padre si trova in prigione per aver cercato di sfamare la propria famiglia. Poi quella che si credeva la svolta, la fuga in Cina: sua sorella scappa e la sera dopo anche lei e la madre varcano il confine, lasciando il padre in Nord Corea. Il grado di libertà che raggiungono non è molto diverso da quello del loro paese natale: la madre si sacrifica e viene violentata, poi venduta dai trafficatori cinesi. Invece Yeonmi a soli tredici anni diventa l’amante di un contrabbandiere di donne, cominciando a occuparsi della vendita di nordcoreane ai futuri mariti cinesi. Comunque, il suo desiderio rimane quello di riunire la famiglia, ma con la sorella sparita, la madre venduta e il padre scarcerato ma ammalato dall’altra parte del confine risulta impossibile. Quindi il racconto prosegue con un susseguirsi di vicende, dal ritrovamento del padre alla sua morte, dalla fuga in Mongolia e alla finale libertà in Corea del Sud.

Però, ciò che Yeonmi e la madre trovano nel nuovo paese non si può ancora definire libertà: le discriminazioni sociali, la forma mentis ormai insediata nella loro anima, la sfiducia e il timore delle autorità pubbliche portano gravi difficoltà nella vita quotidiana di madre e figlia.

Per noi è facile rispondere alla domanda “qual è il tuo colore preferito”, per i Coreani del Nord no. Non hanno la concezione di opinione personale, le risposte che danno devono essere o sbagliate o giuste: in un mondo in cui si ha il divieto di guardare film, leggere libri, ascoltare musica, la soggettività non esiste. Inoltre, quando si ha il terrore di parlare perché si pensa che addirittura gli uccelli e i topi ascoltino ogni mormorio, è facile credere che un capo del governo possa controllare con il pensiero il meteo e che riesca a leggere la mente dei sudditi.

Per noi sono idee assurde, che assomigliano ai totalitarismi del ‘900 e che per forza devono essere qualcosa di passato: è ora di aprire gli occhi e scostare per un po’ lo sguardo dalla quotidianità europea. Un modo per farlo è leggere questo libro.

Disponibile su Amazon: La mia lotta per la libertà

Cover-di-La-mia-lotta-per-la-liberta_image_ini_620x465_downonly

Annunci

Una risposta a "La mia lotta per la libertà"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...