Romanzi

Se questo è un uomo

Se questo è un uomo di Primo Levi.

E’ la testimonianza dell’autore che racconta il suo periodo nel campo di concentramento. All’inizio scrive ciò che ha visto della deportazione delle famiglie ebree italiane: la cura con cui le madri preparavano al viaggio i figlioletti, gli uomini che sistemavano la saccoccia con gli attrezzi da lavoro all’interno, gli artisti che lucidavano i loro strumenti e li riponevano nelle apposite scatole. Da qui, la descrizione della vita nel lager con tutte le sue bestiali abitudini: ciò che si nota dalla storia di Primo Levi è il tentativo, oltre a quello di sopravvivere, di non “addormentarsi”, di rendere inattaccabile la propria parte umana.

Tutto nel campo di concentramento mira a rendere disumani i prigionieri, perciò per il condannato qualsiasi appiglio può essere fonte di salvezza: ad un certo punto del libro, ciò che risveglia il protagonista è la spiegazione dell’Inferno di Dante al suo compagno. In particolare gli vengono in mente i versi di Ulisse, che dice ai suoi compagni:

“Considerate la vostra semenza:

fatti non foste a viver come bruti,

ma per seguir virtute e canoscenza.”

Dante, Inferno, Canto XXVI, vv. 118-120

Per non diventare un “bruto” Primo Levi cerca di pensare, e in questo caso è proprio la ricerca di virtù e la voglia di ricordare che lo salvano.

Fin da subito l’autore dichiara che il suo libro non è una condanna, ma vuole essere solamente una testimonianza. Non è semplice da leggere, più per la storia che per la scrittura, perché racconta fatti tragici, ma sono belle le parti in cui dimostra come un uomo che ha conservato la sua umanità vive in modo differente anche la tragicità del momento.

Comunque, posso dire che non è stato un libro bello da leggere: certo, è ovvio, le storie drammatiche non sono piacevoli, ma è utile secondo me capire come le persone sopravvivono psicologicamente davanti a una vita così drammatica.

Disponibile su Amazon: Se questo è un uomo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...